ADELCHI

ADELCHI

Alessandro Manzoni

(atto III)

 

Dagli atrii muscosi, dai fòri cadenti,

dai boschi, dall’arse fucine stridenti,

dai solchi bagnati di servo sudor;

un volgo disperso, repente si desta,

intende l’orecchio, solleva la testa,

percosso da novo crescente romor.

 

Dai guardi dubbiosi, dai pavidi volti,

quel raggio di sole da nuvoli folti,

traluce de’ padri la fiera virtù:

ne’ guardi, ne’ volti confuso ed incerto

si mesce e discorda lo spregio sofferto

col misero orgoglio di un tempo che fu.

 

S’aduna voglioso, si sperde tremante,

per torti sentieri con passo vagante,

fra tèma e desire, s’avanza e ristà;

e adocchia e rimira scorata e confusa

de’ crudi signori la turba diffusa,

che fugge dai brandi, che sosta non ha.

 

……………………………..

 

Il forte si mesce col vinto nemico

Col nuovo signore rimane l’antico;

l’un popolo e l’altro sul collo vi sta:

Dividono i servi, dividon gli armenti;

si posano insieme sui campi cruenti

d’un volgo disperso che nome non ha..

 

 

VARDEL CHI

 

SASS CHE RUDOLA NO FA MUSCIO

 

Da porte enmufae, da muri che casca,

dai tovi, da botegheri che ziga,

da fite de lagrime e sudor

la zent, de colpo, la se desmissia

su co le recie, l’alza la testa

‘sa suzede che ghè tut sto casin?

 

Se se varda, bianchi come la peza

vei zo dal zel, na lama de calt

e par to nono, quando el goseva

nesuni che sapia, che dir, che far

travegole, miscioti de stomech

pensando a quando la neva meio

 

De colpo de chi, de colpo de la

su per senteri, dove no se sa

nente o stente? SariĂ  bel ma…

e vardei adeès, i veci capi

i core, i se sconde

le gambe che toca el cul

 

….

 

Ma el furbo el ciapa el posto

de quel che comandeva prima

E alora sem tuti

de novo del gat

I se spartis tut, magnaria compresa

toh, i se senta zo

proprio su le case

che i altri i ha lassĂ 

E i sfolai se ancora voi

senza nome, senza part

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento