EL PAM DE MOLCHE

DSC06568

 

 

 

 

 

 

 

 

SAORI

El pam de olche, per esempio. Che quando tel zachi te senti subit quei tochetini de scorze d’oliva. Che i ghè da ala pasta qualcos che la boca la capiss subit da ghe banda la vei tuta sta bontĂ . PecĂ  no poderla tegnir lì, su la lengua, en eterno. Ariva el moment che devi butar zo el bocom…ma te ghe n’hai pronto n’altro, ancora pu gross stavolta. Se toleva su le olive lasae en tera da quei …del scalim. Se ghe tireva via le scorze dai oseti. Su tut su na bela carta oliata sora el cuercio de la fornela a legna. E po taiar su tut. Quando è ariva i primi frulatori a me nona no ghe pareva vera che la machinota la fes tut en pressa e bem. Che pò gh’era anca quei che i lo feva con forme strane. Ricordo de paneti che pareva quei a forma de oto, ma sì quei saladi de salzburg. Ma i feva anca fugazzoni. Perfim grisini. Da ‘n po’ de temp no se trova pu pam de molche en giro. Al supermercato ghè de tut. Robe da la Puglia, col peperoncino, con questo, que l’altro. Me sĂ  che dovrò spetar che vaga via quei dei scalini el prossim autum…e pò narò a sgarbiar tra l’erba per zercar quel che è vanzĂ . Tra l’altro ho vist che se no te te dai na mossa i osei i te lassĂ  lì i osseti neti come i pomi. Perchè lori no i ha pers zerte abitudini. Me domando? Come hai fat a contarsele tra generaziom? Gavrai anca lori libri o basta en colp de bech da picoi e i sĂ  za tut?

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento