Archivi del mese: Novembre 2016

MEMORIE DI UN GARIBALDINO – 8

a cura di Cornelio Galas  

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

I TAI SOTO PEL

I TAI SOTO PEL di Cornelio Galas No tei vèdi, ma tei sènti, gnanca na gòza de sangue, e gnanca na grĂąsa, dopo, ma i ghè e i fĂ  mal …   I spònze, ecĂłme se i spĂłnze, come tante … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

FUSI & REFUSI – 23

a cura di Cornelio Galas BASTA UNA BOCCATA D’ARIA A VOLTE … CHI FA DA SE’ FA PER … UNO, DUE, X … ANTIPASTI, PRIMI, SECONDI, DOLCE, CAFFE’ DOPO … IL PRONIPOTE DI NERONE IN TRENTINO E’ STATO RESPINTO TRA … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

E MI CHIAMAVA AMORE …

E MI CHIAMAVA AMORE … di Cornelio Galas L’avevo amato subito, quel sorriso, e quel suo disordine … ordinato. Mi piaceva, mi piaceva, sì, sì … Quanto mi piaceva e m’è piaciuto.   Una vita, la nostra, davanti, solo noi, … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

IL TRENTINO DI CESARE BATTISTI – 5

a cura di Cornelio Galas      

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

CARO PUTEL …

CARO PUTEL … di Cornelio Galas Te dirò, caro putèl vegnĂą ani dopo, de no dĂ rghe da mènt a nesĂąni … de quei che te dìs: scĂłlteme mi. Tègnete a la larga da sti chì.   I parla piĂ m, i … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

MISCIOTI DE GIORNAI VECI – 15

a cura di Cornelio Galas (settembre 2002)    

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

MEMORIE DI UN GARIBALDINO – 7

a cura di Cornelio Galas

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

IL BUIO – 4

di Cornelio Galas Te la sentiresti, sul serio, di dare tu lo stop alla tua vita? L’hai mai pensato? E riusciresti a farlo? A preparare, prepararti, quel momento finale? Non parlo di eutanasia, di morte dolce, di meno peggio. Parlo … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

VECIE VOIE DE RIDER

Vecie vòie de rider di Cornelio Galas BastĂ©va pòch, anca en vèrs dela fĂ cia, na scorĂ©za, e tachĂ©va via la ridaròla, se se sganassĂ©va, per gnènt.   BastĂ©va poch per rìder, anca mandĂ rse ‘n mona, dĂ rse pĂ che per finta, o … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento