Archivi del mese: Giugno 2015

Quel da la nosèla gnèca

L’Iliade Cantami, o Diva, del Pelìde Achille l’ira funesta che infiniti addusse lutti agli Achei, molte anzi tempo all’Orco generose travolse alme d’eroi, e di cani e d’augelli orrido pasto lor salme abbandonò (così di Giove l’alto consiglio s’adempìa), da … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

SIAMO

SIAMO di Cornelio Galas Strano, stacca le parole: sì, amo. Esistere, insieme ad altri non basta. Sciamano le api; colpa di un mago pellerossa? Stiamo insieme ancora? Spiamo il futuro? Siamo, voce lontana del verbo essere, non da soli. Scriviamo … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

SAN PIETRO IN CALINO, STORIA E LEGGENDA

         

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

LEZION DE DIALET TRENTIN – 40

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

LEZION DE DIALET TRENTIN – 39

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

TE SEI LI’ LI’ MA GNANC’ORA DE LA’

TE SEI LI’ LI’ MA GNANC’ORA DE LA’ Oscia, mai ciapà tanti auguri come st’am. L’è da tre ore che zerco de risponderghe a tuti. Perché, me son dìt, devo risponderghe propri a tuti. No saltarne gnanca un. L’è dura, … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

L’ASEN E LA VOLP

L’ASEN E LA VOLP di Cornelio Galas Gh’era sto àsen, ligà a ‘n bràz de legn del molìn. El giréva semper ‘n tondo, dassiguàl che se masnéva el formént. E cich e ciòch e cìch e ciòch. Da le bande … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

LA VITA T’AVVITA

La vita? T’avvita. T’avvisa. T’assilla. O t’assóla. Anche senza sole. La vita t’evita. Sul più bello. E’ una piva, nel sacco. Un’àvita villa disabitata. Evita il male. Finché può. Una gita? Una mita, cioè una mitomane? Una ditta? Una cosa … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

EL SPISUCULOCH

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Caleidoscopio

Caleidoscopio di Cornelio Galas Frammenti di luci, ombre, riflessi più agitati di chi, e sono io li sta agitando con le mani. Storie d’infanzia senza Tv, con lanterne magiche, cera di candela fusa che scotta sulla pelle dietro quel primo … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento