El dialèt fàzile

PARLO ‘TALIAM O ARABO?

Gh’è dele parole ‘n taliàm che forsi capìs quei studiài, lezùi. O quei che magari ha sposà una da ‘n zo. O da ‘n su, se la ghe tira pu al todesch che al dialet trentim. Per esempi: RIVISTE. Capìntene. Se le è riviste vol dir che l’è zamài stàe za viste o no? E alora perché nei tabachini i le vende ensema a altri giornài de quel dì come se le fussa nove? Ensoma, mai viste prima?

N’altra roba che no ho mai capì del taliàm: quei agetivi che i mete davanti a la zent che bisogna tegnirse ‘n bona. Eco alora che ‘l profesór che gà fat l’esame de laurea de to fiol su la reclam che te fai sul giornal el deventa el CHIARISSIMO PROF. Vatelapesca. Sò che l’è ciàr perché se ghe dà del ciarisimo. Voleria veder però se i ghe dà del ciarisimo anca quei che ha ciapà la laurea dal stes profesor… tirada però drio la schena.

Che po’ l’è la stessa roba che suzede col GENTILISSIMO, col PREGIATISSIMO, coi SALUTI CORDIALI. Quando enveze te voleréssi magari mandarghe, registràe, tante siràche.

Che dir po’ del CARO ESTINTO? Oh, zà dir che ùm el se estinto, che ensoma ‘l s’è disintegrà, che l’è deventà polver se i l’ha cremà… dai, lassénte perder el caro davanti almem. Semper che le spese per l’òbit no le sia stàde de pù de quel che s’è ciapà en eredità, se sa.

Pu de na volta, zent che vei en casa la dìs: “PERMESSO?”. Osc’ia, te sèi zà vegnù denter senza che àbia podù dirte de sì o de no. Ma me tòt anca en giro?
Parlènte de CIAO? L’è na roba che se svizina – dal vizim Veneto – ala nossa parlada. Sciavo, schiavo. E mi ogni volta che te saludo devo dirte che som schiavo de ti? Ma te poi enmaginar…

Gh’è anca dele parole che vei da l’ingles. E che difati l’è zamai taliane da ani. BAR, per esempi. Te ghe tachi na O e te ‘l cambi quel bar… dove i te ciàva. Anzi, dove la SCIAVA no la te saluda bem dopo el quart biciér.

Come dir: SPORT (gh’è anca el BAR SPORT, do parole inglesi tacàe diaolporco). Che deventa sportivo. E quando se va a far sport se se porta drìo la…spòrtola, anca quela i n’ha englisesà.

Se dìs…magari, magari, magari. MAGARI la magarina fussa buro?
ADR vol dir a domanda risponde. Mai na volta che i scriva ADNR a domanda no ‘l risponde.

TASI: l’è na tassa, una dele tante. Ma no se pol dir gnent su questa, sol taser.
Sule sigle se poderìa scriver n’enziclopedia. Pecà che adès, con Gugle, le enziclopedie no le và pù come na volta, quando gh’era CONOSCERE, I QUINDICI. Anca la TRECCANI l’è zamài del gàt.

Gavè fàt mai caso a quando, soratut dal notaio, ve trovè a firmar ala fim soto IN FEDE? Cossa vol dir? Che ve fidè tut mal de quei che ha scrit quela carta? Dalbòm?

Na volta se sgringhenéva co la chitara. Quel come mi che sonéva l’era taià fora. I altri i baléva, i slimonéva, e… Adès gh’è el KARAOKE. Cioè en car tirà dale oche? O ‘n pel che tira pù de ‘n car … come na volta?

Perché prima de bever (quando s’è almem en doi e a na festa) se dìs CIN CIN? Ma dai che ‘n bevé depù de en cicinin… no sté far quei che de solit i è astemi.

Ocio anca a quei che al matrimoni ve augura FIGLI MASCHI. Bem che la ve vaga i nàsse ghèi.

Ho vist robe che voi, mai podé gnanca enmaginar: così scominzia el discorso d’en sindaco ala riunion dela asociaziom dei non vedenti.

E’ ORA DI FINIAMOLA. Ma chi elo che ha scominzià a scriver ste monàe?

 

TOPONOMASTICA ITALIANA (vista dai trentini) – 6

CHIUSA – Oh, no i avèrze mai, gnanca a Pasqua o Nadàl, mai…

COMANO – L’è ‘n posto dove no se pol lavarse i pei co l’acqua de le terme. Sol co le man…

CONVERSANO – Quei che abita chi i è semper drio a parlarse. Guai a ‘ntromèrse

ERACLEA – ‘Na volta la se ciameva Clea. Dopo l’è nà a Casablanca e…adès el se ciama Cleo.

ERBA – Da qualche dì gh’è i militari per far le nove medizine …

FORANO – Comun dove no passa da ani i coridori del Giro d’Italia

GALLIPOLI – Adès gh’è pu poli che gai: ‘n polinèr

GELA – L’è ‘n zò, ma no l’è frèt. I abitanti i se ciama gelàti. Tuti boni…

LAGONEGRO – En lach sporch, ma i è drio a netarlo

LUPARA – Ocio a nar denter de not

LUNANO – Chi i vive tuti en casote picole

MARANELLO – Ades però el Nello, un de quei che ha fate el paès el stà co la Gina. La Mara l’è nada via con un che lavoreva ala Ferari

MARZI – Pien de ospedai per curar brute malatie

MELZO – Le af no le vola mai pu su de le arnie. El mèl el finis per tera…

MEZZANO – Posto dove i gh’à sol ‘na culata. No se sa perchè

Toponomastica italiana (secondo i trentini) – 5

NUORO – El vegnirìa a esser ‘n zendro che ogni tant se veste da dona. Bom putèl neh.

CHIETI – Na zità dove i è tuti semper tranquili

ARICCIA – Chi gh’è zent che storze semper el nas

BIBBIANO – Posto dove i va poch en ciesa, pu fazile che i leza el Corano

BUSNAGO – Da veder la galeria che ha fat ani fa na dita de Nach

CAORSO – Chi l’orsa Daniza la staria meio, a so cà

CANNA – So tera gh’è i tubi del gas. Vei su n’erba che te ‘nebia el zervel

CARONIA – Starghe ala larga e basta

CARINI – Piena de putei bei, men de done

CASSOLA – Se no i lavora a far su case i magna na roba che vei da Milan

CASTRO – Gh’è ‘n dotòr lezù e studià vegnù da Cuba che ‘n do minuti ‘l ghe fa pasàr la voia de saltar adòs a le done anca ai pu maniazi

CENTO – En more un? Subit nasse n’altro popo. En more doi? Nasse do gemei. Semper zento i resta

CERESARA – Quando vei magio gh’è òssi de zirese dapertut en paes.

CERES – Dove i fa la bira. Come dir: Forst, dove i fa la Forst ensoma.

TOPONOMASTICA ITALIANA (secondo i trentini) – 4

BRINDISI – Chi no i gà alter che far cin cin dala matina ala sera

BIELLA – L’è dale bande dela Fiat, gh’è na fabrica che fa tòchi per i motori. Ma ghè anca quei che dìs che la se ciama così perché ‘sti ani gireva na bela dona che vegniva dala Rusia.

LECCO – ‘sta chi no se pol dirla. Ma tanto i la sa tuti…

IMOLA – No l’è semper colpa del fùm che vei da dove core le machine grosse. Disente che ghe mete del suo anca quei che magna tanti fasòi.

PORTOFINO – Bel sto posto se no fus che ghè stà sol poche barche: quele dei siori de solit. Ma i ha dit che prest i lo fa pu gross.

MONTECATINI – Chi se va a bever l’acqua che fa ben soratut al fegato. L’è per quel che sula montagna de sora i gà mes tanti picoi seci…se no magari la se perde nei boschi.

VASTO – En posto che no finìs pu, spiage che te te perdi…

SULMONA – La zent che ghe abita l’è ‘n po’ così… ma miga sulserio neh

CHIARAVALLE – Te la vedi ben anca da lontan. En po’ de men sol de not.

 TOPONOMASTICA D’ITALIA (secondo i trentini) – 3

TERNI – Dove quei che zuga al lotto i zuga semper quei tre numeri. Na volta ogni tant i la ‘mbròca

JESOLO – Vecio pàès fat su dai romani. Ades ghe abita sol uno che vei da Trastevere.

MASSA – Zità dove le cà le è zamài una tacada a l’altra. Se sta meio nel quartier vizìm: MIGA

NERVI – Ocio che chi è semper tuti zidiosi

FERRARA – Da chi vei i tochi de fer da tacàr al tratòr per aràr

FORLI’ – L’è ‘n casin trovarlo. Anca sui cartei ghè semper la stessa indicazion che no se capis. For lì va ben ma dove? E se fus là denter? O for là?

CASTELNUOVO – Bel, da vardar. I l’ha apena fàt.

LEGNANO – L’è da ani che i zerca le stèle per la fornèla. Ma no ghe n’è…

BASSANO – Dove le done le gà ‘l cul bas

NOVARA – Ste ‘tenti en sto paes perché i ve dis semper de no

ABBIATEGRASSO – Dove l’è difizile trovar qualcos da magnar senza en fil de gras

PORDENONE – No ‘l gà pu le vecie tradizion. Le none restae le è poche.

TOPONOMASTICA D’ITALIA (secondo i trentini) – 2

 TORINO

Ma vache si

 GALLARATE

En gal da pagar con comot

 CORTINA D’AMPEZZO

 la classica (se ne parla da un pezzo) coperta che o ti copre i piedi o la testa

 BELLUNO

E bruti tuti i altri

 MONTEPULCIANO

 Località montana dove tuti i gh’à i pulesi sul cul

 PISA

Chi te poi farla anca a l’averta

 POTENZA

Dove tuti i dropa el viagra

 MILANO

Là lù no ‘l va, gnanca a pache

 DESENZANO

 (censura) (se propri volè saverla: quei che i voleria metersel denter…ma no i trova mai el cul)

Toponomastica italiana (vista dai trentini) – 1

–        Con la collaborazione di Ruggero Chiarani

SORA – Zità gemelada con Sota.

GORGONZOLA – Quando se passa da chi l’è meio tegnir serai i finestrini dela machina. Semper che qualchedun no ‘l s’abia cavà – en machina – i calzòti dopo na longa caminada co le scarpe da ginastica

TREPALLE – En ‘sto paès i ghe n’ha semper una en pù. De riserva. Quando le va zò però le va zò tute e tree.

CATANIA – L’è en Sizilia e questo i lo sa tuti. Ma nesuni i sa che chi la gà na casa la Tania Cagnotto, quela che se buta zò dai trampolini en piscina

CAMEROTA – Zò dopo Napoli. Ma i alberghi i gà sol camere picole. Per un, no per doi o trei.

SONDRIO – Per veder sto paès bisogna proprio nàr drio la montagna: l’è al revers. Fa semper fret.

VIGNOLA – Sarà en par de etari de vigne. Tute picole però.

SIRMIONE – L’è ‘n castèl fat fora da poch da ‘n sior ingles che ‘l pensa de esser chisà chie, ensoma el prim de tuti.

PIOMBINO – L’è vizin al mar, en Toscana. Chi no i lassa però pescar co i piombini. E anca i sub, per sto divieto, i fa na fadiga a nar soto acqua.

MARSALA – L’acqua del mar se sa l’è salada. Ma chi par de esser sul Mar ner: no ocor meterghe gnent ai pesi quando se i còse.

TOPONOMASTICA TRENTINA – 10


NOGAREDO – Vecchia sede di un mobilificio poi fallito per la scarsa voglia di lavorare nonostante le ottime richieste di arredamento provenienti anche da fuori provincia.

NOMESINO – Località ancora incerta su quale nome darsi. Ci sarà presto un referendum.

BELLAMONTE – Nota località turistica montana di recente edificazione. E’ stata realizzata per compensare la cattiva pubblicità della vicina Bruttavalle.

AMPOLA – Località dell’alta val di Ledro dove sono stati rinvenuti importanti reperti archeologici forse collegati all’epoca romana. In particolare recipienti in terracotta.

BRENTA – Particolare situazione orografica che consente di raccogliere – come in un grande secchio – le precipitazioni nevose. Fatto questo che ha favorito lo sport invernale in questo bacino.

CORNETTO – Piccola, limitatata per fortuna, area trentina caratterizzata da un alto tasso di separazioni e divorzi per tradimento del partner.

POVO – Qui un famoso capitano di ventura toscano, nel seicento, pose un aut aut alla popolazione: se ne sarebbe andato senza mettere tutto a fuoco e fiamme solo in cambio della consegna di tutto l’oro. Poi, in effetti, se n’andò.

FASSA – Valle dove s’insediarono le prime fabbriche tessili trentine. Da qui le prime fasce poi sostituite dai pannolini. Da qui anche le prime bende per uso sanitario.

FIEMME – Sta per Fim, Federazione Italiana Maniscalchi. Che qui nacque ai primi del Settecento.

CHIESE – Valle che da secoli chiede invano di avere un’amministrazione autonoma.

LESSINI – Zona dove si producono i famosi grissini (farina e carne gli ingredienti) lessi.

DRENA – Centro termale adatto soprattutto per chi ha problemi di ritenzione idrica.

TOPONOMASTICA TRENTINA – 9

(con la preziosa collaborazione di Ruggero Chiarani e Marco Fioretti)

PELUGO – Piccola dose del noto aperitivo “Ugo”.

QUADRA –  Area trentina dove non sono ancora state realizzate rotatorie.

RONZONE – Noto per i suoi alveari.

SEGA DI ALA – Qui l’apertura del primo negozio di occhiali in Trentino

BALLINO – Sede della più piccola discoteca d’Italia.

VALLARSA – Zona boschiva distrutta da una serie di roghi.

CAVEDAGO – Promesse dell’Itea, istituto trentino edilizia abitativa.

TEMPESTA – Luogo gardesano dove nell’antichità – secondo una leggenda – si seminava…vento.

GRUMES – Noto per i suoi agglomerati extraurbani

TOPONOMASTICA TRENTINA – 8

POLSA – Località montana consigliata per il riposo e il relax. Non nella stagione invernale.

DARZO – Stazione (ora in disuso) di una teleferica che portava dalla cima a valle prodotti caseari delle malghe montane. In giù dava, in su tornava vuota.

STIVO – Centro di raccolta di vari generi alimentari sotto il Rifugio Marchetti. La cambusa è nella sottostante malga.

BRIONE – Proposta di animazione per anziani (Brio per la terza età il nome del corso) nell’ex colonia Miralago.

TIERNO – Piccola comunità pugliese qui migrata dall’alta val di Ledro. Da Tiarno.

CAVEDAGO – Concessione mineraria in attesa di acquirente.

NAMBINO – Rifugio di montagna diventato famoso per la più piccola vincita al lotto mai realizzata in Italia con un ambo.

LUNDO – Starebbe per l’uno-due. Ritmo di marcia. Ma anche 12 volendo.

PRANZO – Luogo famoso per la carne salada. Trattorie aperte solo a mezzogiorno.

SPINALE – Centro di convegni nei pressi di Madonna di Campiglio. Ogni anno il meeting internazionale di anestesia.

DEVA – Sorgente prosciugata dai lavori del tunnel ledrense. Non dà più acqua da decenni.

TOPONOMASTICA TRENTINA – 7

(anche con i preziosi contributi di Ruggero Chiarani e Walter Angelini)

 CALAVINO – Paese dove le botti non sono mai piene

STRAVINO – Vicino a Calavino. Sede della sezione staccata dell’istituto agrario S.Michele specializzata nei corsi per il travaso.

TON – Ha case così fragili che si possono tagliare con un grissino. La periferia è invece ad alto rischio per i fulmini soprattutto d’estate.

DERMULO – Incassato nella montagna, stretto passaggio consentito solo ai muli.

MORTASO – Era un paesino ridente. Dove tutti gli abitanti parlavano, parlavano. Solo la morte metteva fine alla logorrea. Qui la prima ditta di pompe funebri trentine.

COSTA DI FOLGARIA – Luogo di villeggiatura scelto dall’ex comandante della Concordia.

NANNO – Paese natale di Biancaneve. La statura media degli abitanti è pero doppia rispetto ai nani.

VALDA – Centro sanitario specializzato nelle terapie per il mal di gola grazie anche alla coltivazione locale, intensiva, di menta.

DON – Frazione di DIN – Confina con DAN – Famosa per il suo campanile che risale alla dominazione spagnola.

LASINO – Qui ha visto la luce il primo libro di grammatica italiana

Toponomastica trentina/6

DARE’ – Credito Cooperativo della Val Rendena

IAVRE’ – Azienda recupero crediti della Val Rendena

PINZOLO – Da qui partirono gli arrotini. Cominciarono con una piccola pinza.

CONDINO – Lista per le comunali che sosteneva il candidato Dino Disì.

MEZZOLAGO – Si chiama così da quando l’acqua del lago di Ledro è utilizzata per la centrale di Riva del Garda.

BRUSINO – Area della val di Cavedine sottoposta a costante azione preventiva antincendio

COVELO – Piccolo centro nei pressi di Terlago con economia sostenuta in prevalenza dalla produzione di uova.

TOSS – Luogo di villeggiatura con cure pneumologiche per patologie croniche all’apparato respiratorio.

ADAMELLO – Secondo un’antica leggenda trentina su questa montagna si rifugiò il figlio illegittimo di Adamo ed Eva dopo l’omicidio di Abele. In seguito centro di allenamento per la Adamo Calcio.

CAGNO’ – Zona da anni non coperta dal servizio di consegna corrispondenza a domicilio. Questo dopo una serie di spiacevoli incidenti.

FONZASO – Location trentina per la remake di “Happy Days”

TOPONOMASTICA TRENTINA /5

 CAVALESE – Accento sulla e finale vista la derivazione francese. Non è ben chiaro se a levar le seti si usi acqua delle fonti locali o vino francese d’importazione.

CIMONE – Paese che sorge su una cima alta, larga, grossa.

VETRIOLO – Località famosa per la produzione di acido solforico utilizzato per lo più nel settore dei fertilizzanti.

LARDARO – Noto per il lardo giudicariese

DURONE – Gemellato con MOLLARO

MAGRE’ – Centro che ospita ogni anno convegni internazionali sulla dieta alimentare

TAIO – Qui le prime segherie trentine.

TAVERNARO – Le note cantine alle porte di Trento

SEGNO – Paese dove si è registrato il più alto tasso di conti non regolarmente pagati nel commercio

CASSANA – Luogo di villeggiatura preferito da un noto calciatore di origini pugliesi

TOPONOMASTICA TRENTINA/4

 ALTISSIMO – Monte gardesano. Definito su Tripadvisor anche purissimo e levissimo.

PRADA – Centro lagarino specializzato nell’alta moda, soprattutto negli accessori

BRUSAGO – Fornitore principale di aghi sterilizzati per il Nord-Est

MANDREA – Dall’abitudine degli antichi abitanti di questa località montana arcense di coprirsi il sedere con una mano durante le battute di caccia.

MALE’ – Sobborgo malfamato di BENE’.

SPIAZZO – Ampia area adibita a parcheggio di testata per i camperisti in Val Rendena

MORI – Antico insediamento di popolo proveniente dal nord-africa

ALBIANO, ALDENO – Storici luoghi di latitanza dei complici di Alcapone

FERSINA – Qui c’erano le prime fabbriche per la produzione di binari in ferro.

VILLA BANALE – Di nessuna importanza storica e architettonica.

TOPONOMASTICA TRENTINA/3

FORNACE – Area da tempo individuata dalla Provincia Autonoma di Trento per la realizzazione di un termovalorizzatore.

PANAROTTA – Resti archeologici di Panapenacomprada. Ora Panagiustada dopo il restauro.

SERRADA – Località da poco aperta al turismo di massa. Cfr: Avèrta.

MOLETTA – Noto centro di produzione di accessori per bucato e affini. Recentemente si è passati dal legno alla plastica. Comunque riciclabile.

PIAN DELLE FUGAZZE – Nei dintorni di Cornetto. Ampia scelta di garnì e B&B.

LOPPIO – Stretta valle interessata a più riprese dal traffico di droghe leggere tra l’asta dell’Adige e l’Alto Garda.

SANO – Ridente paesino della Vallagarina caratterizzato dalla più bassa percentuale di patologie croniche in Italia.

RONZO – Da qui sarebbe partita negli anni Novanta la diffusione in Trentino della zanzara tigre.

CREINO – Località montana in attesa di infrastrutture da tempo proposte ai nuovi abitanti.

PRESSANO – Area artigianale alla periferia di Trento sempre sotto pressione in fatto di commesse.

TESINO – Luogo dove gli abitanti non sono mai sazi.

MATASSONE – Centro industriale lagarino specializzato nella produzione di lana grezza

TOPONOMASTICA TRENTINA – 2

VALSUGANA – Insediamento post glaciale. Prima il sito si chiamava Valbagnana e prima ancora Valgiazana.

RAVINA – Un tempo famosa per la produzione di piccole rape. Poi superata nel mercato agricolo dagli asparagi di Zambana (antica Zà ‘m bìna)

MASSONE – Principale luogo di ritrovo del movimento carbonaro trentino. Secondo altre fonti storiche il nome deriverebbe invece da un grosso masso precipitato dal soprastante Monte Velo.

LAVIS – Qui fu fondata la prima sezione dell’associazione volontari italiani sangue.

PANAROTTA – Dopo il riordino catastale ora è PANAGIUSTADA.

MONTE CORNO – Abituale rimpatriata dei separati o divorziati

CORVARA – Centro –come nel trentino il Casteller –specializzato nel recupero dell’aviofauna, corvi nello specifico

CEI (lago di, località omonima): Dopo il Concilio di Trento zona riservata agli esercizi spirituali della Conferenza Episcopale Italiana.

SANTA MASSENZA – Dubbia canonizzazione. Per assenza di requisiti importanti

STRAVINO – Da nota cantina della Valle dei Laghi a centro di recupero per alcolisti tutt’altro che anonimi.

ROVERE’ DELLA LUNA – Misterioso centro trentino. Etimologia: da rovèrs. L’altra faccia della luna. Cfr The dark side of the moon, Pink Floyd.

SELLA – Da risolvere l’enigma della mancanza del cavallo.

PORDOI – Luogo romantico. Per due. Da codificare l’eccessivo traffico d’estate. Da risolvere il caso di due – uomo e donna – sulla stessa moto in transito sul passo.

TELVE – Poi TELECOM

ALTISSIMO – Cfr Purissimo e Levissimo

 

TOPONOMASTICA TRENTINA – etimologia e significati

 

PRESANELLA – In ricordo del rapimento della contessa Nella, epoca medievale (cfr: Ratto delle Nelle)

PAGANELLA – (vedi anche Presanella), luogo del pagamento del riscatto per la liberazione della contessa Nella

TORBOLE SUL GARDA– Specchio d’acqua gardesano reso torbido dalle sostanze rilasciate dai mezzi di navigazione a motore. Problema risolto dopo il divieto degli anni Ottanta.

VALLI di NON-SOLE – Area di montagna un tempo infestata da briganti. Di qui il consiglio, soprattutto alle donne, di farsi accompagnare durante il viaggio in questa zona.

MEZZOLOMBARDO – Cittadina che risente ancora dell’antica occupazione lanzichenecca e comunque di cultura e tradizioni lombarde. Metà della popolazione è invece trentina anche se (cfr Valdelastico, Galan Edizioni) deve far fronte a mire espansionistiche venete

ALA – AVIO – VOLANO – Ampia superficie destinata a suo tempo ad aeroporto. Il progetto poi è stato bocciato dopo le proteste degli ambientalisti.

FASSA (val di) – Area trentina non ancora coperta da adeguato servizio ADSL. Pochi hanno e-mail. Si va avanti col fax. Ma ci sono progetti già finanziati per tipi di connessione evoluti. Anche se sono in “banda larga”. Cioè in disparte, e tanto, dalle priorità provinciali.

VASON – Grande vaso in cima al Monte Bondone. Per la raccolta di acqua piovana. Da qualche tempo utilizzato per l’innevamento artificiale.

PERGINE – Luogo riservato al fans club “Lollo”. Ammesse anche Luigie e Luigine. No perditempo. No Luiselle presempi.

SERRAVALLE – Dal lucchetto che da anni, per tradizione, viene chiuso nella strada di accesso all’omonimo abitato un’ora dopo il tramonto. Orari presso Apt.

VAL D’ULTIMO – Inutile cercare la Val Primo. Fa parte della toponomastica cancellata dal Cai Alpenverein.

FINONCHIO – Monte messo al bando dall’istituto Geografico Sacro Cuore.

VALLAGARINA –  Comprensorio che da tempo rivendica come capoluogo Villalagarina al posto dell’imposto Rovereto che nulla ha a che fare con l’evidente etimologia.

CALDARO – Lago che trae in inganno i turisti. Laddove kalt in tedesco sta per freddo. Con evidente truffa soprattutto per chi cerca relax e parchi termali.

VALSORDA – Attenzione: non c’è campo. Anche se per il conto del ristorante ci sentono bene.

TREMOSINE – Con la crisi non bastano tre porcellini dove custodire gli spiccioli. La storia della formica e della cicala è superata giammai dagli eventi…

VIDEO – sei – 6539037_217868635009566_2040030973_n

LEZIOM – zinque – 5gas

LEZIOM – quatro – 4

Tracolla in pelle color cuoio con cuciture a vista, nappine pendenti e frange

LEZIOM – trè – 3busssss

 

 

LEZIOM – dò – 2riparazioni-auto-fai-da-te-strane

 

 

 

 

LEZIOM – UM – 1book-is-on-the-table

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Codice di sicurezza *