El dialèt fàzile

TOPONOMASTICA ITALIANA (vista dai trentini) - 6

CHIUSA – Oh, no i avèrze mai, gnanca a Pasqua o Nadàl, mai…

COMANO – L’è ‘n posto dove no se pol lavarse i pei co l’acqua de le terme. Sol co le man…

CONVERSANO – Quei che abita chi i è semper drio a parlarse. Guai a ‘ntromèrse

ERACLEA – ‘Na volta la se ciameva Clea. Dopo l’è nà a Casablanca e…adès el se ciama Cleo.

ERBA – Da qualche dì gh’è i militari per far le nove medizine …

FORANO – Comun dove no passa da ani i coridori del Giro d’Italia

GALLIPOLI – Adès gh’è pu poli che gai: ‘n polinèr

GELA – L’è ‘n zò, ma no l’è frèt. I abitanti i se ciama gelàti. Tuti boni…

LAGONEGRO – En lach sporch, ma i è drio a netarlo

LUPARA – Ocio a nar denter de not

LUNANO – Chi i vive tuti en casote picole

MARANELLO – Ades però el Nello, un de quei che ha fate el paès el stà co la Gina. La Mara l’è nada via con un che lavoreva ala Ferari

MARZI – Pien de ospedai per curar brute malatie

MELZO – Le af no le vola mai pu su de le arnie. El mèl el finis per tera…

MEZZANO – Posto dove i gh’à sol ‘na culata. No se sa perchè

Toponomastica italiana (secondo i trentini) - 5

NUORO – El vegnirìa a esser ‘n zendro che ogni tant se veste da dona. Bom putèl neh.

CHIETI – Na zità dove i è tuti semper tranquili

ARICCIA – Chi gh’è zent che storze semper el nas

BIBBIANO – Posto dove i va poch en ciesa, pu fazile che i leza el Corano

BUSNAGO – Da veder la galeria che ha fat ani fa na dita de Nach

CAORSO – Chi l’orsa Daniza la staria meio, a so cà

CANNA – So tera gh’è i tubi del gas. Vei su n’erba che te ‘nebia el zervel

CARONIA – Starghe ala larga e basta

CARINI – Piena de putei bei, men de done

CASSOLA – Se no i lavora a far su case i magna na roba che vei da Milan

CASTRO – Gh’è ‘n dotòr lezù e studià vegnù da Cuba che ‘n do minuti ‘l ghe fa pasàr la voia de saltar adòs a le done anca ai pu maniazi

CENTO – En more un? Subit nasse n’altro popo. En more doi? Nasse do gemei. Semper zento i resta

CERESARA – Quando vei magio gh’è òssi de zirese dapertut en paes.

CERES – Dove i fa la bira. Come dir: Forst, dove i fa la Forst ensoma.

TOPONOMASTICA ITALIANA (secondo i trentini) - 4

BRINDISI – Chi no i gà alter che far cin cin dala matina ala sera

BIELLA – L’è dale bande dela Fiat, gh’è na fabrica che fa tòchi per i motori. Ma ghè anca quei che dìs che la se ciama così perché ‘sti ani gireva na bela dona che vegniva dala Rusia.

LECCO – ‘sta chi no se pol dirla. Ma tanto i la sa tuti…

IMOLA – No l’è semper colpa del fùm che vei da dove core le machine grosse. Disente che ghe mete del suo anca quei che magna tanti fasòi.

PORTOFINO – Bel sto posto se no fus che ghè stà sol poche barche: quele dei siori de solit. Ma i ha dit che prest i lo fa pu gross.

MONTECATINI – Chi se va a bever l’acqua che fa ben soratut al fegato. L’è per quel che sula montagna de sora i gà mes tanti picoi seci…se no magari la se perde nei boschi.

VASTO – En posto che no finìs pu, spiage che te te perdi…

SULMONA – La zent che ghe abita l’è ‘n po’ così… ma miga sulserio neh

CHIARAVALLE – Te la vedi ben anca da lontan. En po’ de men sol de not.

 TOPONOMASTICA D’ITALIA (secondo i trentini) - 3

TERNI – Dove quei che zuga al lotto i zuga semper quei tre numeri. Na volta ogni tant i la ‘mbròca

JESOLO – Vecio pàès fat su dai romani. Ades ghe abita sol uno che vei da Trastevere.

MASSA – Zità dove le cà le è zamài una tacada a l’altra. Se sta meio nel quartier vizìm: MIGA

NERVI – Ocio che chi è semper tuti zidiosi

FERRARA – Da chi vei i tochi de fer da tacàr al tratòr per aràr

FORLI’ – L’è ‘n casin trovarlo. Anca sui cartei ghè semper la stessa indicazion che no se capis. For lì va ben ma dove? E se fus là denter? O for là?

CASTELNUOVO – Bel, da vardar. I l’ha apena fàt.

LEGNANO – L’è da ani che i zerca le stèle per la fornèla. Ma no ghe n’è…

BASSANO – Dove le done le gà ‘l cul bas

NOVARA – Ste ‘tenti en sto paes perché i ve dis semper de no

ABBIATEGRASSO – Dove l’è difizile trovar qualcos da magnar senza en fil de gras

PORDENONE – No ‘l gà pu le vecie tradizion. Le none restae le è poche.

TOPONOMASTICA D’ITALIA (secondo i trentini) - 2

 TORINO

Ma vache si

 GALLARATE

En gal da pagar con comot

 CORTINA D'AMPEZZO

 la classica (se ne parla da un pezzo) coperta che o ti copre i piedi o la testa

 BELLUNO

E bruti tuti i altri

 MONTEPULCIANO

 Località montana dove tuti i gh'à i pulesi sul cul

 PISA

Chi te poi farla anca a l’averta

 POTENZA

Dove tuti i dropa el viagra

 MILANO

Là lù no ‘l va, gnanca a pache

 DESENZANO

 (censura) (se propri volè saverla: quei che i voleria metersel denter…ma no i trova mai el cul)

Toponomastica italiana (vista dai trentini) - 1

-        Con la collaborazione di Ruggero Chiarani

SORA – Zità gemelada con Sota.

GORGONZOLA – Quando se passa da chi l’è meio tegnir serai i finestrini dela machina. Semper che qualchedun no ‘l s’abia cavà – en machina – i calzòti dopo na longa caminada co le scarpe da ginastica

TREPALLE – En ‘sto paès i ghe n’ha semper una en pù. De riserva. Quando le va zò però le va zò tute e tree.

CATANIA – L’è en Sizilia e questo i lo sa tuti. Ma nesuni i sa che chi la gà na casa la Tania Cagnotto, quela che se buta zò dai trampolini en piscina

CAMEROTA – Zò dopo Napoli. Ma i alberghi i gà sol camere picole. Per un, no per doi o trei.

SONDRIO – Per veder sto paès bisogna proprio nàr drio la montagna: l’è al revers. Fa semper fret.

VIGNOLA – Sarà en par de etari de vigne. Tute picole però.

SIRMIONE – L’è ‘n castèl fat fora da poch da ‘n sior ingles che ‘l pensa de esser chisà chie, ensoma el prim de tuti.

PIOMBINO – L’è vizin al mar, en Toscana. Chi no i lassa però pescar co i piombini. E anca i sub, per sto divieto, i fa na fadiga a nar soto acqua.

MARSALA – L’acqua del mar se sa l’è salada. Ma chi par de esser sul Mar ner: no ocor meterghe gnent ai pesi quando se i còse.

TOPONOMASTICA TRENTINA – 10


NOGAREDO – Vecchia sede di un mobilificio poi fallito per la scarsa voglia di lavorare nonostante le ottime richieste di arredamento provenienti anche da fuori provincia.

NOMESINO – Località ancora incerta su quale nome darsi. Ci sarà presto un referendum.

BELLAMONTE – Nota località turistica montana di recente edificazione. E' stata realizzata per compensare la cattiva pubblicità della vicina Bruttavalle.

AMPOLA – Località dell'alta val di Ledro dove sono stati rinvenuti importanti reperti archeologici forse collegati all'epoca romana. In particolare recipienti in terracotta.

BRENTA – Particolare situazione orografica che consente di raccogliere – come in un grande secchio – le precipitazioni nevose. Fatto questo che ha favorito lo sport invernale in questo bacino.

CORNETTO – Piccola, limitatata per fortuna, area trentina caratterizzata da un alto tasso di separazioni e divorzi per tradimento del partner.

POVO – Qui un famoso capitano di ventura toscano, nel seicento, pose un aut aut alla popolazione: se ne sarebbe andato senza mettere tutto a fuoco e fiamme solo in cambio della consegna di tutto l'oro. Poi, in effetti, se n'andò.

FASSA – Valle dove s'insediarono le prime fabbriche tessili trentine. Da qui le prime fasce poi sostituite dai pannolini. Da qui anche le prime bende per uso sanitario.

FIEMME – Sta per Fim, Federazione Italiana Maniscalchi. Che qui nacque ai primi del Settecento.

CHIESE – Valle che da secoli chiede invano di avere un'amministrazione autonoma.

LESSINI – Zona dove si producono i famosi grissini (farina e carne gli ingredienti) lessi.

DRENA – Centro termale adatto soprattutto per chi ha problemi di ritenzione idrica.

TOPONOMASTICA TRENTINA – 9

(con la preziosa collaborazione di Ruggero Chiarani e Marco Fioretti)

PELUGO - Piccola dose del noto aperitivo “Ugo”.

QUADRA -  Area trentina dove non sono ancora state realizzate rotatorie.

RONZONE – Noto per i suoi alveari.

SEGA DI ALA – Qui l’apertura del primo negozio di occhiali in Trentino

BALLINO – Sede della più piccola discoteca d’Italia.

VALLARSA – Zona boschiva distrutta da una serie di roghi.

CAVEDAGO – Promesse dell’Itea, istituto trentino edilizia abitativa.

TEMPESTA – Luogo gardesano dove nell’antichità – secondo una leggenda – si seminava…vento.

GRUMES – Noto per i suoi agglomerati extraurbani

TOPONOMASTICA TRENTINA – 8

POLSA – Località montana consigliata per il riposo e il relax. Non nella stagione invernale.

DARZO – Stazione (ora in disuso) di una teleferica che portava dalla cima a valle prodotti caseari delle malghe montane. In giù dava, in su tornava vuota.

STIVO – Centro di raccolta di vari generi alimentari sotto il Rifugio Marchetti. La cambusa è nella sottostante malga.

BRIONE – Proposta di animazione per anziani (Brio per la terza età il nome del corso) nell’ex colonia Miralago.

TIERNO – Piccola comunità pugliese qui migrata dall’alta val di Ledro. Da Tiarno.

CAVEDAGO – Concessione mineraria in attesa di acquirente.

NAMBINO – Rifugio di montagna diventato famoso per la più piccola vincita al lotto mai realizzata in Italia con un ambo.

LUNDO – Starebbe per l’uno-due. Ritmo di marcia. Ma anche 12 volendo.

PRANZO – Luogo famoso per la carne salada. Trattorie aperte solo a mezzogiorno.

SPINALE – Centro di convegni nei pressi di Madonna di Campiglio. Ogni anno il meeting internazionale di anestesia.

DEVA – Sorgente prosciugata dai lavori del tunnel ledrense. Non dà più acqua da decenni.

TOPONOMASTICA TRENTINA – 7

(anche con i preziosi contributi di Ruggero Chiarani e Walter Angelini)

 CALAVINO - Paese dove le botti non sono mai piene

STRAVINO – Vicino a Calavino. Sede della sezione staccata dell’istituto agrario S.Michele specializzata nei corsi per il travaso.

TON – Ha case così fragili che si possono tagliare con un grissino. La periferia è invece ad alto rischio per i fulmini soprattutto d’estate.

DERMULO – Incassato nella montagna, stretto passaggio consentito solo ai muli.

MORTASO – Era un paesino ridente. Dove tutti gli abitanti parlavano, parlavano. Solo la morte metteva fine alla logorrea. Qui la prima ditta di pompe funebri trentine.

COSTA DI FOLGARIA – Luogo di villeggiatura scelto dall’ex comandante della Concordia.

NANNO – Paese natale di Biancaneve. La statura media degli abitanti è pero doppia rispetto ai nani.

VALDA – Centro sanitario specializzato nelle terapie per il mal di gola grazie anche alla coltivazione locale, intensiva, di menta.

DON – Frazione di DIN – Confina con DAN – Famosa per il suo campanile che risale alla dominazione spagnola.

LASINO – Qui ha visto la luce il primo libro di grammatica italiana

Toponomastica trentina/6

DARE’ – Credito Cooperativo della Val Rendena

IAVRE’ – Azienda recupero crediti della Val Rendena

PINZOLO – Da qui partirono gli arrotini. Cominciarono con una piccola pinza.

CONDINO – Lista per le comunali che sosteneva il candidato Dino Disì.

MEZZOLAGO – Si chiama così da quando l’acqua del lago di Ledro è utilizzata per la centrale di Riva del Garda.

BRUSINO – Area della val di Cavedine sottoposta a costante azione preventiva antincendio

COVELO – Piccolo centro nei pressi di Terlago con economia sostenuta in prevalenza dalla produzione di uova.

TOSS – Luogo di villeggiatura con cure pneumologiche per patologie croniche all’apparato respiratorio.

ADAMELLO – Secondo un’antica leggenda trentina su questa montagna si rifugiò il figlio illegittimo di Adamo ed Eva dopo l’omicidio di Abele. In seguito centro di allenamento per la Adamo Calcio.

CAGNO’ – Zona da anni non coperta dal servizio di consegna corrispondenza a domicilio. Questo dopo una serie di spiacevoli incidenti.

FONZASO – Location trentina per la remake di “Happy Days”

TOPONOMASTICA TRENTINA /5

 CAVALESE – Accento sulla e finale vista la derivazione francese. Non è ben chiaro se a levar le seti si usi acqua delle fonti locali o vino francese d’importazione.

CIMONE – Paese che sorge su una cima alta, larga, grossa.

VETRIOLO – Località famosa per la produzione di acido solforico utilizzato per lo più nel settore dei fertilizzanti.

LARDARO – Noto per il lardo giudicariese

DURONE – Gemellato con MOLLARO

MAGRE’ – Centro che ospita ogni anno convegni internazionali sulla dieta alimentare

TAIO – Qui le prime segherie trentine.

TAVERNARO – Le note cantine alle porte di Trento

SEGNO – Paese dove si è registrato il più alto tasso di conti non regolarmente pagati nel commercio

CASSANA – Luogo di villeggiatura preferito da un noto calciatore di origini pugliesi

TOPONOMASTICA TRENTINA/4

 ALTISSIMO – Monte gardesano. Definito su Tripadvisor anche purissimo e levissimo.

PRADA – Centro lagarino specializzato nell’alta moda, soprattutto negli accessori

BRUSAGO – Fornitore principale di aghi sterilizzati per il Nord-Est

MANDREA – Dall’abitudine degli antichi abitanti di questa località montana arcense di coprirsi il sedere con una mano durante le battute di caccia.

MALE’ – Sobborgo malfamato di BENE’.

SPIAZZO – Ampia area adibita a parcheggio di testata per i camperisti in Val Rendena

MORI – Antico insediamento di popolo proveniente dal nord-africa

ALBIANO, ALDENO – Storici luoghi di latitanza dei complici di Alcapone

FERSINA – Qui c’erano le prime fabbriche per la produzione di binari in ferro.

VILLA BANALE – Di nessuna importanza storica e architettonica.

TOPONOMASTICA TRENTINA/3

FORNACE – Area da tempo individuata dalla Provincia Autonoma di Trento per la realizzazione di un termovalorizzatore.

PANAROTTA – Resti archeologici di Panapenacomprada. Ora Panagiustada dopo il restauro.

SERRADA – Località da poco aperta al turismo di massa. Cfr: Avèrta.

MOLETTA – Noto centro di produzione di accessori per bucato e affini. Recentemente si è passati dal legno alla plastica. Comunque riciclabile.

PIAN DELLE FUGAZZE – Nei dintorni di Cornetto. Ampia scelta di garnì e B&B.

LOPPIO – Stretta valle interessata a più riprese dal traffico di droghe leggere tra l’asta dell’Adige e l’Alto Garda.

SANO – Ridente paesino della Vallagarina caratterizzato dalla più bassa percentuale di patologie croniche in Italia.

RONZO – Da qui sarebbe partita negli anni Novanta la diffusione in Trentino della zanzara tigre.

CREINO – Località montana in attesa di infrastrutture da tempo proposte ai nuovi abitanti.

PRESSANO – Area artigianale alla periferia di Trento sempre sotto pressione in fatto di commesse.

TESINO – Luogo dove gli abitanti non sono mai sazi.

MATASSONE – Centro industriale lagarino specializzato nella produzione di lana grezza

TOPONOMASTICA TRENTINA – 2

VALSUGANA – Insediamento post glaciale. Prima il sito si chiamava Valbagnana e prima ancora Valgiazana.

RAVINA – Un tempo famosa per la produzione di piccole rape. Poi superata nel mercato agricolo dagli asparagi di Zambana (antica Zà ‘m bìna)

MASSONE – Principale luogo di ritrovo del movimento carbonaro trentino. Secondo altre fonti storiche il nome deriverebbe invece da un grosso masso precipitato dal soprastante Monte Velo.

LAVIS – Qui fu fondata la prima sezione dell’associazione volontari italiani sangue.

PANAROTTA – Dopo il riordino catastale ora è PANAGIUSTADA.

MONTE CORNO – Abituale rimpatriata dei separati o divorziati

CORVARA – Centro –come nel trentino il Casteller –specializzato nel recupero dell’aviofauna, corvi nello specifico

CEI (lago di, località omonima): Dopo il Concilio di Trento zona riservata agli esercizi spirituali della Conferenza Episcopale Italiana.

SANTA MASSENZA – Dubbia canonizzazione. Per assenza di requisiti importanti

STRAVINO – Da nota cantina della Valle dei Laghi a centro di recupero per alcolisti tutt’altro che anonimi.

ROVERE’ DELLA LUNA – Misterioso centro trentino. Etimologia: da rovèrs. L’altra faccia della luna. Cfr The dark side of the moon, Pink Floyd.

SELLA – Da risolvere l’enigma della mancanza del cavallo.

PORDOI – Luogo romantico. Per due. Da codificare l’eccessivo traffico d’estate. Da risolvere il caso di due – uomo e donna – sulla stessa moto in transito sul passo.

TELVE – Poi TELECOM

ALTISSIMO – Cfr Purissimo e Levissimo

 

TOPONOMASTICA TRENTINA – etimologia e significati

 

PRESANELLA – In ricordo del rapimento della contessa Nella, epoca medievale (cfr: Ratto delle Nelle)

PAGANELLA – (vedi anche Presanella), luogo del pagamento del riscatto per la liberazione della contessa Nella

TORBOLE SUL GARDA– Specchio d’acqua gardesano reso torbido dalle sostanze rilasciate dai mezzi di navigazione a motore. Problema risolto dopo il divieto degli anni Ottanta.

VALLI di NON-SOLE – Area di montagna un tempo infestata da briganti. Di qui il consiglio, soprattutto alle donne, di farsi accompagnare durante il viaggio in questa zona.

MEZZOLOMBARDO – Cittadina che risente ancora dell’antica occupazione lanzichenecca e comunque di cultura e tradizioni lombarde. Metà della popolazione è invece trentina anche se (cfr Valdelastico, Galan Edizioni) deve far fronte a mire espansionistiche venete

ALA – AVIO – VOLANO - Ampia superficie destinata a suo tempo ad aeroporto. Il progetto poi è stato bocciato dopo le proteste degli ambientalisti.

FASSA (val di) – Area trentina non ancora coperta da adeguato servizio ADSL. Pochi hanno e-mail. Si va avanti col fax. Ma ci sono progetti già finanziati per tipi di connessione evoluti. Anche se sono in “banda larga”. Cioè in disparte, e tanto, dalle priorità provinciali.

VASON – Grande vaso in cima al Monte Bondone. Per la raccolta di acqua piovana. Da qualche tempo utilizzato per l’innevamento artificiale.

PERGINE – Luogo riservato al fans club “Lollo”. Ammesse anche Luigie e Luigine. No perditempo. No Luiselle presempi.

SERRAVALLE – Dal lucchetto che da anni, per tradizione, viene chiuso nella strada di accesso all’omonimo abitato un’ora dopo il tramonto. Orari presso Apt.

VAL D’ULTIMO – Inutile cercare la Val Primo. Fa parte della toponomastica cancellata dal Cai Alpenverein.

FINONCHIO – Monte messo al bando dall’istituto Geografico Sacro Cuore.

VALLAGARINA -  Comprensorio che da tempo rivendica come capoluogo Villalagarina al posto dell’imposto Rovereto che nulla ha a che fare con l’evidente etimologia.

CALDARO – Lago che trae in inganno i turisti. Laddove kalt in tedesco sta per freddo. Con evidente truffa soprattutto per chi cerca relax e parchi termali.

VALSORDA – Attenzione: non c’è campo. Anche se per il conto del ristorante ci sentono bene.

TREMOSINE – Con la crisi non bastano tre porcellini dove custodire gli spiccioli. La storia della formica e della cicala è superata giammai dagli eventi…

VIDEO - sei - 6539037_217868635009566_2040030973_n

LEZIOM - zinque - 5gas

LEZIOM - quatro - 4

Tracolla in pelle color cuoio con cuciture a vista, nappine pendenti e frange

LEZIOM - trè - 3busssss

 

 

LEZIOM - dò - 2riparazioni-auto-fai-da-te-strane

 

 

 

 

LEZIOM - UM - 1book-is-on-the-table

Lascia un commento