INCONTRO

IL VIDEO

hqdefault

INCONTRO

di Francesco Guccini

E correndo mi incontrò lungo le scale

quasi nulla mi sembrò cambiato in lei.

La tristezza poi ci avvolse come miele

per il tempo scivolato su noi due.

Il sole che calava già

rosseggiava la città

già nostra e ora straniera

e incredibile e fredda

come un istante “deja vu”

ombra della gioventù ci circondava la nebbia.

Auto ferme ci guardavano in silenzio

vecchi muri proponevan nuovi eroi.

Dieci anni da narrare l’uno all’altro

ma le frasi rimanevan dentro in noi.

“Cosa fai ora? Ti ricordi…?

Eran belli i nostri tempi!

Ti ho scritto… È un anno…

Mi han detto che eri ancor via”

Poi la cena a casa sua

la mia nuova cortesia

stoviglie color nostalgia.

E le frasi quasi fossimo due vecchi

rincorrevan solo il tempo dietro a noi.

per la prima volta vidi quegli specchi

capii i quadri, i soprammobili ed i suoi.

I nostri miti morti ormai

la scoperta di Hemingway

il sentirsi nuovi

le cose sognate e ora viste

la mia America e la sua

diventate nella via

la nostra città tanto triste.

Carte e vento volan via nella stazione

freddo e luci accese forse per noi lì

ed infine in breve la sua situazione

uguale quasi a tanti nostri film

come in un libro scritto

male lui s’era ucciso per natale

ma il triste racconto sembrava assorbito dal buio.

Povera amica che narravi

dieci anni in poche frasi

ed io i miei in un solo saluto.

E pensavo dondolato dal vagone

“Cara amica, il tempo prende e il tempo dà.

Noi corriamo sempre in una direzione

ma qual sia e che senso abbia chi lo sa!

Restano i sogni senza tempo

le impressioni di un momento

le luci nel buio di case intraviste da un treno.

Siamo qualcosa che non resta

frasi vuote nella testa

e il cuore di simboli pieno.

QUEL TROVARSE …

traduzione di CORNELIO GALAS

E de corsa l’è vegnùa zò per le scale

me paréva che fùssa come ‘n temp.

El magón ‘l n’ha ciapà come ‘l vìscio

e quei ani che slimpeghéva zo.

El sól el néva drio i monti

la zità l’era zamai ciàra

dove noi eren de casa

e adès squasi forèsti.

Tante robe viste zà,

tra destràni e la ghèba.

Machine ferme, senza ciàs

veci muri, nòvi cartèi.

Dese ani da contarse

ma nessun dei doi che parléva.

“Cossa fat ades, ma te ricordit?

Che bel ai nossi tempi

T’ho scrit … Da n’am …

I m’ha dit che t’eri nàda”

Po’ la zéna a casa sua,

el mé nòf modo de far

la tovàia, semper la stéssa.

Quel parlàr squasi da vèci

che pù che ‘n vanti néva endrìo.

E vardévo tuti quei spègi

quei quadri e ‘l rest entorno a noi.

Le nosse pàre demò finìe

libri che se doveva lezer

sentirse zóveni

tante robe da veder

che adés le era nei oci.

La me Merica e la sua

che en quela stràa de paés

no le neva d’acordi.

Quante carte portàde dal vent

en stazión tra luci ‘mpizàe

e ala fin la dura verità

gualiva a tanti cine en testa

‘n destìn scrit zà e zà.

Come ‘n d’n libro scrit propri mal

lù el s’era copà propri a Nadal

ma tut quel che te contévi

finiva per aria nel stròf.

Pora me amica che te contevi

dese ani en poche parole

e mi tuti i mei co ‘n ciao.

E pensévo dondolando sul treno

“Cara amica el temp el ciapa el temp ‘l dà.

Noi corrém semper en d’en vers

ma chi el che ha dit che sia quel giust.

Resta  quei sogni senza temp

l’empressiom d’en moment

slusori nel strof de case …

che te par de veder da ‘n treno.

Sen qualcos che no resta

parole voide nela testa

e ‘l còr pien de tante bandére …

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.