NO BASTA PIANZER

NO BASTA PIANZER

di Cornelio Galas

Immagine1

Ma … ma ‘sa vot che te diga?
Capìsso, de strafùch, en còsta,
che te pòi averghe le bale girae.
Capìsso, che l’è da sta matina,
che te te tiri envanti, dessì?
E che te vei drio, oltre ale scarpe,
oltre ai dinòci, oltre a tut el rest,
quel che t’avrĂ©ssi volĂą esser,
ensèma al prosàch, su la schéna,
de quel che tut mal te sei adès.
El so che no te me darai da ment,
che no te ne frega propri gnent
de quel che te sto disendo.
Ma fĂ©rmete, n’atimo, sol n’atimo:
e scolta quela voze (no la sèntit?)
che te parla, che te zerca …
quela voze che te sei po’ ti.
VegnirĂ , per tuti, el temp de l’òbit,
vegnirĂ  per tuti l’ultim dì.
Pensa che bel, alora, poder dir:
“Sì, sì, ho fat quel che podĂ©vo,
ho fat del ben, no sĂłl per mi …”.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento